Gastrofisica: la musica condiziona il nostro gusto

Gastrofisica

La musica condiziona il gusto, ormai è scientificamente provato. Lo psicologo inglese Charles Spence, direttore del Crossmodal Research Laboratory dell’Oxford University, infatti ha recentemente pubblicato il libro Gastrophysics: the new science of eating (Viking, 2017), una sintesi delle ricerche sulla percezione del cibo in rapporti ad altri fattori che non siano il gusto.

Spence, studia ad esempio gli effetti che una particolare musica influenzi e, al contempo, alterari il sapore del cibo. L’autore ha anche sviluppato una pietanza per il ristorante stellato inglese “The Fat Duck”: si tratta di un’emulsione di molluschi, “Il suono del mare”, che è servita assieme ad una conchiglia di plastica con due auricolari dai quali, durante la degustazione, vanno ascoltati i suoni del mare e le grida di gabbiani.
Per maggiori dettagli, è possibile leggere il nostro post Tecnologia al tavolo da pranzo

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
Kaiseki
L’impiattamento: da mera utilità a nuova forma di arte

Il primo assaggio avviene sempre con gli occhi: la sensazione visiva di un piatto è importante quanto il suo sapore. È quanto emerge da una ricerca di Ophelia Deroy del Centro Studi dei Sensi dell'Università di Londra e pubblicata su Flavour Journal. Il cibo non è mai presentato e servito così com'è ma dovrebbe essere elaborato nel modo più attraente possibile. Questo fatto forse ovvio, chiamato "impiattamento" ha ricevuto poca considerazione fino ad ora dagli studiosi del cibo. Una negligenza che contrasta con l'enorme interesse condiviso da chef, pubblico e mezzi di comunicazione. In ogni caso, tutti dovrebbero essere portati...

Close