Ghisa: una certezza

ghisa

La ghisa è un materiale costituito da una lega di ferro e carbonio: sicuro e non eccessivamente costoso. Le piastre in ghisa sono ormai un must ma è impiegata anche per pentole, griglie e bistecchiere

A ferro e fuoco

ferro

Le pentole in ferro si prestano bene per le cotture a fuoco vivo, come la frittura. Pur avendo una scarsa conducibilità termica, il ferro evita gli sbalzi di temperatura.

È un materiale economico e leggero, tuttavia la formazione della ruggine richiede una manutenzione periodica. Dopo il lavaggio conviene asciugare le pentole in forno e ungerle con l’olio. Oppure, si può procedere scaldandole sul fuoco e strofinandole con carta e sale grosso.

Rame: un prezioso alleato

rame

Il rame è il materiale con il più alto grado di conducibilità termica ma, negli anni, il suo elevato costo ha fatto si che venisse soppiantato da altri materiali. L’interno di una pentola di rame viene solitamente rivestito in stagno o acciaio perché l’ossido di rame è tossico.

Resistente agli urti e di lunga durata, possiede un grande fascino e un appeal da “cucina tradizionale” che permette di valorizzare appieno le pietanze.

Alluminio: pratico ma delicato

alluminio

L’alluminio è un materiale utilizzato prevalentemente per le pentole. Maggiore è lo spessore e maggiore sarà la qualità: si va dai 3 ai 5 mm. È uno dei migliori conduttori di calore, è leggero, pratico e igienico. Tuttavia tende a trasferire il colore ai cibi chiari e non è idoneo a contenere alimenti liquidi, acidi o salati. Inoltre non resiste ai graffi e si deforma facilmente.

Ultimamente si è fatto strada l’alluminio rivestito di materiale antiaderente. Ne sono un esempio le teglie da forno. L’alluminio antiaderente ha il vantaggio di farci risparmiare l’uso di grassi in cottura e farci cucinare in maniera più dietetica. Di contro, se graffiato (e succede molto spesso) può rilasciare sostanze tossiche.

L’ossidazione dell’alluminio crea una patina sulle pentole: è uno strato che non deve essere rimosso perché è protettivo e non altera i cibi.

Acciaio inox. È un buon materiale in cucina?

inox

Inauguriamo una nuova di Menuetto dedicata alle note e agli strumenti in cucina: informazioni e nozioni davanti ai fornelli.

Cominciamo con uno dei materiali più utilizzati in cucina: l’acciao inox. Basti penare agli impianti di cottura, le pentole, la coltelleria e gli utensili. L’acciaio è una lega di ferro, carbonio, nichel e cromo. L’acciaio cosiddetto 18/10 è formati dal 18% di nichel e 10% di cromo.

Questo materiale presenta un’ottima resistenza a urti e acidi, non altera i cibi e dura a lungo. Tuttavia ha una bassa conducibilità termica e, a fuoco alto, i cibi tendono ad attaccarsi sul fondo.

CondiMenti, festival dedicato al cibo e alla letteratura

14102565_1196048200446566_5252365269627918804_n
Un abbinamento off topic per Menuetto ma che merita di essere pubblicato: cibo e letteratura. Questo è Condimenti, festival dedicato al racconto del cibo in letteratura che giunge alla sua quarta edizione.
Sabato 17 e domenica 18 settembre la seicentesca Villa Salina (via Galliera, 2, Castel Maggiore) e il suo splendido parco saranno il palcoscenico per una due giorni fittissima di incontri, presentazioni di libri, show cooking, laboratori per grandi e bambini, spettacoli teatrali, per celebrare il connubio tra letteratura e gastronomia.
“Cibo e letteratura: una storia d’amore”: il tema scelto per l’edizione 2016 è quello della seduzione: quella della letteratura, quella del cibo, e quella del cibo in letteratura. Il cibo è da sempre infatti nutrimento per il corpo e per l’anima, carico di suggestioni simboliche, veicolo di affettività, amore e, perché no, passione.
Un week end anche di gusto: il parco di Villa Salina ospiterà infatti i Foodtrucker, le postazioni food su quattro ruote con le loro proposte gastronomiche d’eccellenza, attive da mattina a sera.
Maggiori informazioni sulla pagina Facebook dell’evento e su www.condimentifestival.it

Niccolò Paganini “ripete” il suo sugo

paganini

Grande violinista e amico di Rossini, diede vita alla celebre espressione “paganini non ripete” quando nel 1825, durante un’esibizione, si rifiutò di eseguire un bis chiesto direttamente dal re Carlo Felice.
In cucina è stato un cultore del pomodoro che si stava via via affermando all’epoca. A tal proposito, Paganini ha scritto la ricetta del sugo di manzo per i ravioli alla genovese oltre che della stessa pasta ripiena.

Powered by WordPress