Hamburger o insalata? Lo decide la musica

musica-e-cibo

Hamburger e patatine o insalata? Il volume della musica d’ambiente può influire sulla scelta. Se il sottofondo musicale è ‘soft’ ha un effetto calmante, rendendoci più consapevoli di ciò che ordiniamo e questo in genere comporta scelte più salutari, come ad esempio proprio un’insalata. Se è più forte, invece, aumenta la stimolazione e lo stress e ci porta a desiderare di più pietanze meno sane.

Lo rileva uno studio della University of South Florida, pubblicato sulla rivista Journal of the Academy of Marketing Science. “I ristoranti e i supermercati possono utilizzare la musica ambient in modo strategico per influenzare il comportamento di acquisto dei consumatori”, evidenzia Dipayan Biswas, del Muma College of Business della University of South Florida. Biswas ha condotto lo studio in un bar di Stoccolma, in Svezia, dove sono stati suonati diversi generi musicali in un loop separatamente a 55 decibel e 70 decibel.

Le varie voci del menu sono state codificate come sane, non salutari e neutre (categoria utilizzata ad esempio per bevande come caffè o tè). Durante l’esperimento condotto per diverse ore in più giorni, i ricercatori hanno scoperto che il 20% in più di clienti del ristorante aveva ordinato qualcosa di poco sano quando esposto a musica ambientale più forte rispetto a coloro che avevano cenato in un contesto più tranquillo.

(Fonte ANSA)

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
Festa artusiana
Cucina, dal 24 torna la Festa Artusiana

Nove giorni per celebrare Pellegrino Artusi, il padre della cucina italiana. E' la 21/a edizione della Festa Artusiana, dal 24 giugno al 2 luglio a Forlimpopoli, cittadina natale del grande gastronomo: 150 appuntamenti tra laboratori e degustazioni, una ventina di incontri sulla cultura del cibo, mostre sul tema, una sessantina di ristoranti allestiti per l'occasione nel centro storico con 2.800 posti a sedere e le cucine del mondo, come Villeneuve Loubet e Pays Beaujolais dalla Francia, ma anche altre da Austria e Croazia. Punto di forza dell'iniziativa è l'incontro tra la parte gastronomica e la riflessione sullo stato della cucina...

Close