Giacomo Puccini e i piatti del convento

puccini

Figlio d’arte e contro le regole, il maestro lucchese era un amante della buona tavola sapeva cavarsela anche in tempi di magra riempiendosi di minestroni preparati da lui stesso.
L’autore della Tosca e de La Boheme era un appassionato di cacciagione e fagioli cotti al fiasco, preparati nel convento di Lucca in cui aveva dimora la sorella suor Angelica.

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
Babbo Natale Coca Cola
Babbo Natale esiste e non lo ha inventato la Coca Cola

Partiamo dalla classica storia che si sente durante la cena della vigilia: "Babbo Natale è vestito di bianco e rosso perché lo ha disegnato la Coca Cola". Adesso potremmo placare gli aspri commenti nei confronti delle multinazionali e sulla perdita del vero spirito natalizio. Ecco la verità: Babbo Natale indossava gli abiti che tutti conosciamo ben prima del 1931, anno in cui l'illustratore statunitense  Haddon "Sunny" Sundblom lo raffigurò  nelle pubblicità della celebre bevanda. Infatti, il Babbo più buono del mondo venne raffigurato già nel 1906 ed ecco l'immagine con buona pace (ed è il momento giusto per questa parola) della grande...

Close