Giocchino Rossini, il gastronomo del pentagramma

rossini
Il compositore ottocentesco pesarese rappresenta il perfetto connubio tra musica e cibo.
Celebri sono i suoi maccheroni, rigorosamente napoletani, ripieni di purèe di tartufi e cotti al forno; Rossini era sempre attento alle materie prime: nella sua cucina si utilizzava solo il prosciutto di Siviglia, il tartufo marchigiano o il formaggio di Gorgonzola.
Il Guglielmo Tell, siamo nel 1829, segna il suo silenzio da compositore e l’infuocarsi della sua passione per la gastronomia.
Che fosse un cuoco e buongustaio è dimostrato infatti dai menù scritti di suo pugno e composti di arrosto, salume di magro, caviale, zampone, rifreddo, filetti di pollo e panierini al parmigiano.
I documenti (contenuti nella Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze,) sono disponibili nel volume “Menù per orchestra” pubblicato da Armando Dadò e distribuito in Italia da Hoepli (Anna Ciocca-Rossi, Marta Lenzi Repetto, Giacomo Newlin) che abbiamo avuto l’onore di recensire lo scorso anno.

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
Le acciughe ti fan bella

Le acciughe costituiscono un ottimo alimento per la ricchezza di proteine e Omega-3, proteine, minerali e vitamine B. Insomma, le acciughe fanno  bene e "ti fan bella". Vi proponiamo due ricette, una classica (Cavolo fresco in bagna cauda) e una originale (Insalata floreale), per farvi apprezzare questo sottile e saporito ingrediente. Prima di passare alle ricette, ecco la canzone in tema: Alessandro Canino con "Brutta" dedicata all'acciughina quindicenne che non si accorge di essere amata. P.S. La canzone è del 1992 quindi ormai la bruttina ha quasi quarant'anni. Sarà sbocciata?   RICETTE  Cavolo fresco in bagna cauda Ingredienti (per 2 persone) 2 cucchiai d'olio evo 200 gr...

Close