Menù del sapore di mare

Sapore_di_mare

A 30 anni da “Sapore di mare” (1 e 2) i Vanzina hanno deciso di girare un nuovo capitolo della serie: ”Sapore di te”. Questa volta le vicende comico-amorose andranno a invadere i coloratissimi anni ottanta tra paninari, truzzi e matusa, ovvero i genitori nostalgici degli anni ’60. Il film uscirà nelle sale agli inizi del 2014 ma siamo sicuri che non potrà mai superare delle massime come: “Pizza fredda e birra calda. Tutto il contrario, come nella vita”.
E a tal proposito, ecco il nostro menù, senza pizza e birra ma con i veri sapori di mare.

MENU’ DEL SAPORE DI MARE (per 2 persone)

Pomodoro mediterraneo

Pennette alla cernia

Polpo e zucchine

Pescherecci

Colonna sonora: Ciao Mare- Raoul Casadei

 

Antipasto: Pomodoro mediterraneo

Ingredienti

6 mazzancolle
2 pomodori cuore di bue
10 olive denocciolate
Un cucchiaio di capperi sotto sale
6 foglie di basilico
Succo di un’arancia
Olio evo
Sale

Pomodoro mediterraneo

Preparazione

Sbollentare le mazzancolle per 2 minuti, scolare e lasciare raffreddare.

Lavare i pomodori e tagliare la calotta superiore. Delicatamente svuotare l’interno e raccogliere la polpa, avendo cura di conservarne le parti più sode in una ciotola. Scolare i pomodori a testa in giù su della carta assorbente.

Nel frattempo. tritare a coltello i capperi accuratamente risciacquati e le olive e mescolarli insieme alla polpoa d pomodoro. Aggiungere il succo d’arancia, salare e amalgamare.
Unire al composto le mazzancolle, e 4 foglie di basilico spezzattate a mano. Mescolare con un cucchiaio e riempire ciascun pomodoro e decorare con le foglie di basilico rimaste. Conservare in frigo fino al momento di servire.

 

Primo: Pennette alla cernia

Ingredienti

200 gr di penne rigate
2 filetti di cernia
20 olive nere denocciolate
12 pomodorini pachino
Un cucchiaio di capperi sotto sale
Uno spicchio d’aglio
Olio evo
Sale

Pennette alla cernia

Preparazione

Mettere sul gas una pentola piena d’acqua al fine di cuocere la pasta. A seguito, lavare i pomodorini, tagliarli a metà. Risciacquare molto bene i capperi, sbucciare l’aglio e rosolare quest’ultimo in un’ampia padella con un filo d’olio. Versare anche i pomodorini, i capperi, le olive. Nel frattempo, tagliare a listarelle i filetti di cernia e tenere da parte.

Salare l’acqua, versare e cuocere la pasta. Prima di scolarla, aggiungere la cernia in padella, salare e versarvi sopra le pennette. Saltare sul fuoco per un minuto e servire.

 

Secondo: Polpo e zucchine

Ingredienti

Un polpo da 500 gr
2 zucchine
Uno spicchio d’aglio
2 folgie di basilico
Olio evo
Mezzo limone
Sale
Pepe

Polpo e zucchine

Preparazione

In abbondante acqua, bollire il polpo per un’ora e lasciare riposare nella stessa pentola.
Tagliare le zucchine a listarelle e soffriggere in una padella con uno spicchio d’aglio, un filo d’olio e un pizzico di sale.
Scolare il polpo e, manualmente, eliminare la pelle superficiale. Tagliare in pezzi e impiattare insieme alle zucchine.
Condire con un emulsione fatta con due cucciai d’olio, il succo di mezzo limone, un pizzico di sale e pepe e una fogliolina di basilico.

 

Dolce: Pescherecci

Ingredienti

Pasta frolla
Una pesca gialla
2 cucchiai di marmellata di pesche
3 amaretti
20 gr di scaglie di cioccolato fondente
Gelato
Un cucchiaino di zucchero di canna

Pescherecci

Preparazione

Imburrare due formine e adagiare 2 dischi di pasta frolla. In una ciotolina versare due cucchiai di marmellata e amalgamare con gli amaretti sbriciolati e le scaglie di cioccolato. Tagliare a fettine la pesca. Versare il composto nei cestini di pasta frolla e posizionare le fettine sulla superficie. Cospargere di zucchero canna e infornare a forno già caldo a 180° per 30 minuti.

Servire calde con una pallina di gelato.

 

Colonna sonora: Ciao Mare

Non si possono evitare, i Casadei fanno parte del DNA dell’estate e Ciao mare è tra le canzoni più danzate nelle feste di piazza. Per cui per una sera liberatevi dall’anticonformismo, sciogliete il collo e ondeggiate anche voi al ritmo di ciao, ciao, ciao mareeeeee.

 

 

 

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
AF01
Artefiera 2013 e la gastronomia contemporanea

Artefiera, la fiera internazionale di arte contemporanea di Bologna è stata una parentesi positiva in quest'anno dominato da rigore e sobrietà. I 60.000 visitatori sono usciti dai padiglioni della dotta città con uno sguardo rinnovato e la mente arricchita dalle opere di Guttuso, De Chirico, Picasso, Botero, Fontana, solo per citarne alcuni. A questo proposito, Menuetto ha selezionato una galleria fotografica di capolavori gastronomici che, come in un menù, parte dall'antipasto per concludersi col digestivo. Chiudiamo con una considerazione generale: l'arte contemporanea è un misto di originalità e meraviglia ma può essere anche dura e cruenta, e se guardando un'opera vi si scuote l'animo, allora l'artista avrà raggiunto il suo obiettivo.

Close