Menù siciliano

Sicilia

Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo!

Non parliamo del territorio siciliano da apprezzare senza se e senza ma ma del nostro menù che è nato rubando tra le ricette e gli ingredienti tipici della Trinacria.
Dopotutto, un proverbio siculo riconosce che cu arrobba pri manciari, nun fa piccatu (chi ruba per mangiare, non fa peccato). Ammettiamo di aver dato un’interpretazione un po’ troppo ampia al detto popolare ma il risultato è eccellente.

Buon appettito con il menù siciliano re…inventato.

 

MENU’ SICILIANO per 2 persone

Involtini di melanzane al tonno

Risotto al pesto di pistacchi con torre di mazzancolle

Cassata di frutta di stagione con coulis di prugne

Colonna sonora: If – Mario Biondi

 

Antipasto: Involtini di melanzane al tonno

Ingredienti
Una melanzana
150 gr di tonno fresco
2 pomodori San Marzano
15 gr di capperi di Pantelleria
Vino bianco
Pecorino grattugiato
Uno spicchio d’aglio
Rosmarino
Olio evo
Sale

Involtini di melanzane al tonno

Preparazione

Tagliare la melanzana per il lungo e mettere le fette sotto sale per toglierne l’amaro. Per questo procedimento, si consiglia di adagiare alcune fette in uno scolapasta, versare del sale grosso e continuare a esaurimento delle fette. In ultimo, adagiare sulla sommità un pentolino pieno d’acqua al fine di creare una pressione che permetta al liquido amaro di fuoriuscire dalla melanzana. Attendere almeno 30 minuti.

Nel frattempo, mettere una pentola con dell’acqua sul fuoco e portare a bollore. Incidere i pomodori e scottarli brevemente. Scolare, privare della buccia e tagliare in filetti.

Tagliare il tonno a piccoli cubetti, soffriggere l’aglio in una padella con un filo d’olio e aggiungere il tonno, i capperi dissalati e un pizzico di sale. Lasciare cuocere per 2 minuti e sfumare con un po’ di vino bianco. Terminare la rosolatura.

Lavare le fette di melanzana sotto acqua corrente, asciugare e piastrare fino a cottura.

Prendere una fetta di melanzana, adagiarvi sopra un po’ del composto preparato in padella. Coprire con un’ulteriore fetta e chiudere a mo’ di involtino servendosi di uno stuzzicadenti. Terminati gli involtini, riporli in un tegame e posarvi sopra i filetti di pomodoro e un ramoscello di rosmarino. Spolverizzare con il pecorino.

Cuocere in forno già caldo a 180° per 15 minuti.

 

Primo: Risotto al pesto di pistacchi con torre di mazzancolle

Ingredienti
150 gr di riso superfino
100 gr di pistacchi di bronte
300 gr di mazzancolle
Mezzo bicchiere di vino bianco
Una cipolla
Una carota
Uno spicchio d’aglio
Olio evo
Sale

Risotto al pesto di pistacchi e torre di mazzancolle

Preparazione

Riempiere una pentola con 750 ml di acqua e metterla sul fuoco. Pulire le mazzancolle dai loro gusci e gettare questi ultimi (testa compresa) nell’acqua insieme alla cipolla e carota pulite. Portare a ebollizione, salare e cuocere per 20 minuti. Tenere in caldo.

Nel frattempo, pulire e pestare grossolanamente i pistacchi.

In un tegame, versare un filo d’olio. Rosolare l’aglio, tostare il riso, sfumare con il vino e procedere con la cottura aggiungendo man mano il fumetto.

Prima che il riso sia cotto, scottare le mazzancolle in una padella antiaderente 2 minuti per lato.

Amalgamare i pistacchi al riso avendo cura di conservarne una piccola manciata per la guarnizione.

Con un coppapasta, adagiare le mazzancolle al centro del piatto come a costruire una torre, versare attorno il riso e costellare con i pistacchi rimasti.

 

Dolce: Cassata di frutta di stagione con coulis di prugne

Ingredienti
200 gr di ricotta di pecora
100 ml di panna fresca
80 gr di zucchero a velo
6 prugne
Una piccola pesca

Cassata di frutta di stagione con coulis di prugne

Preparazione

Per preparare le cassate, amalgamare la ricotta con 40 gr di zucchero a velo. Montare la panna e aggiungerla al composto. Pulire e tagliare la pesca e 2 prugne a quadratini e mescolare al preparato.

Versare il tutto in stampini e riporre in freezer per almeno tre ore.

Per preparare il coulis, privare le 4 prugne del nocciolo e metterle in un pentolino con tutta la buccia. Aggiungere il restante zucchero a velo, portare a ebollizione e cuocere per 7 minuti continuando a mescolare con un cucchiaio di legno. Filtrare il composto con un colino e lasciare raffreddare.

Servire le cassate togliendole dal freezer almeno 30 minuti prima e versarvi il coulis di prugne.

 

Musica: If

E a proposito di “Se non ci fosse bisognerebbe inventarlo”, il Menù siciliano si degusta ascoltando If di Mario Biondi, cantante catanese che ha saputo varcare i confini regionali e nazionali.

If he didn’t exist, he should be invented.

 

 

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

2 commenti a “Menù siciliano”

  1. Eva scrive:

    VI propongo un articol nel quale potete trovare altri spunti per preparare sfiziosi piatti con capperi di Pantelleria…

    Perchè non provarli? ;)

    http://lorenzovinci.ilgiornale.it/rubriche/rubriche-menu/foodology/item/le-meraviglie-della-tavola-di-pantelleria.html

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
blocco_cottura
L’evoluzione dei blocchi di cottura

I blocchi cottura rappresentano un insieme di attrezzature modulari incassate in un’unica struttura, a seconda delle proprie esigenze e gusti. Possono essere di due tipi: - Blocchi cottura tradizionali: comprendono tutte le attrezzature assemblate a moduli e munite di forno statico. Molto spesso sono a fronte unico ma, se installate su delle isole, possono essere a doppio fronte per un utilizzo su entrambi i lati. - Blocchi cottura su zoccolo: strutture uniche fatte su misura e appoggiate su zoccoli in muratura piastrellati. Estremamente eleganti e raffinati, non sono però componibili e modulari: una volta montati non possono essere modificati. Ogni...

Close