Come cucinare la pasta eco-sostenibile?

millumino

M’illumino di meno è la manifestazione sull’eco-sostenibilità organizzata ogni anno dal programma radiofonico Caterpillar - Radio2.
Il movimento, che il 15 febbraio culminerà con la grande Festa del risparmio energetico, si propone di spegnere simbolicamente tutt’Italia e promuove le buone pratiche di:
1. razionalizzazione dei consumi energetici e riduzione degli sprechi;
2. produzione di energia pulita;
3. mobilità sostenibile (bici, car sharing, mezzi pubblici, andare a piedi);
4. riduzione dei rifiuti (raccolta differenziata, riciclo e riuso, attenzione allo spreco di cibo).

Anche noi di Menuetto “votiamo” M’illumino di Meno e vi proponiamo due tecniche di preparazione della pasta attente all’ambiente: la prima è a basso consumo di acqua mentre la seconda è a basso consumo di gas.
Per l’esperimento abbiamo utilizzato delle penne rigate (nello specifico, quella nella confezione gialla e blu) e dopo un’accurata degustazione abbiamo stilato il verdetto.

Vediamo nel dettaglio i due procedimenti.

Cottura a basso consumo di acqua
Servirsi di una pentola a misura della quantità di pasta da cuocere in modo che la stessa sia disposta uniformemente sul fondo del tegame. Ricordate il peso della pasta perché a questo punto bisognerà versare il doppio della quantità in acqua. Un pizzico di sale e accendere il gas. Appena l’acqua bolle, coprire con un coperchio e ridurre il fuoco quasi al minimo. All’interno della pentola rimarrà il vapore e se utilizzate un coperchio in vetro potrete vederne l’effetto.
Trascorso il tempo indicato sulla confezione, aprite il coperchio e far evoporare per qualche istante. Spegnere il fuoco e servire (non rimarrà neanche un po’ d’acqua da scolare).

Cottura a basso consumo di gas
Nella classica pentola, portare a ebollizione l’acqua, salare e versare la pasta. Lasciar bollire per due minuti, coprire successivamente con un coperchio e spegnere il gas.
Lasciare in ammollo la pasta per il restante tempo di cottura (quello indicato sulla confezione). A fine cottura, scolare e servire.

Ecco il nostro giudizio (punteggio da 1 a 4):

 Cottura a basso consumo di acqua                 Cottura a basso consumo di gas
 Pasta eco-sostenibile
 Profumo: 2,5                                                             Profumo: 3
 Consistenza: 2                                                         Consistenza: 3,5
 Gusto: 2,5                                                                 Gusto: 3
 TOTALE: 7                                                                 TOTALE: 9,5

La vincitrice è la pasta con ridotto spreco di gas, in quanto è risultata al dente e particolarmente gustosa.
La perdente - per quanto rispettosa dell’ambiente - pecca sulla consistenza risultando piuttosto gommosa.

E voi, utilizzate il ferro da stiro ancora caldo per fare le frittate? Riscaldate il minestrone sul motore della vostra Fiat Panda? Oppure avete altre ricette eco-sostenibili? Inviatecele e le pubblicheremo per creare insieme il nostro M’illumino di menù.

E in attesa della Festa del 15 febbraio, ascoltiamo il M’illum-INNO 2013 cantato dagli Jolebalalla e contenente dei preziosi consigli energetici in perfetto stile reggae

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

3 commenti a “Come cucinare la pasta eco-sostenibile?”

  1. donatella scrive:

    Beh, non ci ho mai provato ma so che è possibile cucinare sfruttando il vapore della….lavastoviglie! Cibo sano e risparmio energetico…

  2. Menuetto scrive:

    Grazie del suggerimento. Ci metteremo all’opera!

  3. Julianna scrive:

    Mitico!

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
Grottaglie
Vino è Musica…. ma non solo. Torna la kermesse tra le vie di Grottaglie

La magia di Vino è Musica torna. Lo fa con quattro giorni che si preannunciano di grande lustro per il vino made in Puglia e non solo. Ospiti della rassegna di quest’anno infatti saranno anche alcuni vitigni prodotti da aziende della Basilicata nel segno di un evento che cresce di anno in anno diventando punto di riferimento e vetrina per le cantine del Sud Italia. L’appuntamento è il 26 e 27 luglio nell’aia, tra le mura della torre ottocentesca a ridosso dell’area archeologica dell’antica Masseria Palombara a Oria per le degustazioni alla cieca delle etichette che partecipano al Premio Enologico...

Close