Come cucinare la pasta eco-sostenibile?

millumino

M’illumino di meno è la manifestazione sull’eco-sostenibilità organizzata ogni anno dal programma radiofonico Caterpillar - Radio2.
Il movimento, che il 15 febbraio culminerà con la grande Festa del risparmio energetico, si propone di spegnere simbolicamente tutt’Italia e promuove le buone pratiche di:
1. razionalizzazione dei consumi energetici e riduzione degli sprechi;
2. produzione di energia pulita;
3. mobilità sostenibile (bici, car sharing, mezzi pubblici, andare a piedi);
4. riduzione dei rifiuti (raccolta differenziata, riciclo e riuso, attenzione allo spreco di cibo).

Anche noi di Menuetto “votiamo” M’illumino di Meno e vi proponiamo due tecniche di preparazione della pasta attente all’ambiente: la prima è a basso consumo di acqua mentre la seconda è a basso consumo di gas.
Per l’esperimento abbiamo utilizzato delle penne rigate (nello specifico, quella nella confezione gialla e blu) e dopo un’accurata degustazione abbiamo stilato il verdetto.

Vediamo nel dettaglio i due procedimenti.

Cottura a basso consumo di acqua
Servirsi di una pentola a misura della quantità di pasta da cuocere in modo che la stessa sia disposta uniformemente sul fondo del tegame. Ricordate il peso della pasta perché a questo punto bisognerà versare il doppio della quantità in acqua. Un pizzico di sale e accendere il gas. Appena l’acqua bolle, coprire con un coperchio e ridurre il fuoco quasi al minimo. All’interno della pentola rimarrà il vapore e se utilizzate un coperchio in vetro potrete vederne l’effetto.
Trascorso il tempo indicato sulla confezione, aprite il coperchio e far evoporare per qualche istante. Spegnere il fuoco e servire (non rimarrà neanche un po’ d’acqua da scolare).

Cottura a basso consumo di gas
Nella classica pentola, portare a ebollizione l’acqua, salare e versare la pasta. Lasciar bollire per due minuti, coprire successivamente con un coperchio e spegnere il gas.
Lasciare in ammollo la pasta per il restante tempo di cottura (quello indicato sulla confezione). A fine cottura, scolare e servire.

Ecco il nostro giudizio (punteggio da 1 a 4):

 Cottura a basso consumo di acqua                 Cottura a basso consumo di gas
 Pasta eco-sostenibile
 Profumo: 2,5                                                             Profumo: 3
 Consistenza: 2                                                         Consistenza: 3,5
 Gusto: 2,5                                                                 Gusto: 3
 TOTALE: 7                                                                 TOTALE: 9,5

La vincitrice è la pasta con ridotto spreco di gas, in quanto è risultata al dente e particolarmente gustosa.
La perdente - per quanto rispettosa dell’ambiente - pecca sulla consistenza risultando piuttosto gommosa.

E voi, utilizzate il ferro da stiro ancora caldo per fare le frittate? Riscaldate il minestrone sul motore della vostra Fiat Panda? Oppure avete altre ricette eco-sostenibili? Inviatecele e le pubblicheremo per creare insieme il nostro M’illumino di menù.

E in attesa della Festa del 15 febbraio, ascoltiamo il M’illum-INNO 2013 cantato dagli Jolebalalla e contenente dei preziosi consigli energetici in perfetto stile reggae

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

3 commenti a “Come cucinare la pasta eco-sostenibile?”

  1. donatella scrive:

    Beh, non ci ho mai provato ma so che è possibile cucinare sfruttando il vapore della….lavastoviglie! Cibo sano e risparmio energetico…

  2. Menuetto scrive:

    Grazie del suggerimento. Ci metteremo all’opera!

  3. Julianna scrive:

    Mitico!

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
il_tempo_delle_mele
È sempre il tempo delle mele

Era appena tredicenne quando debuttò come protagonista nell’indimenticabile e glorioso film “Il tempo delle mele”. Ora Sophie Marceau è una fresca cinquantenne (li ha compiuti il 17 novembre scorso) ed ha un’invidiabile carriera cinematografica alle spalle. Noi però continuiamo a ricordarla nei panni di Vic, la studentessa che conosce il suo primo grande amore e vogliamo celebrarla a modo nostro, con un dessert a base… di mele. La ricetta è quella del quella del crumble di mele della Galbani e, in un certo senso c’è stata consigliata proprio da Sophie Marceau. L’attrice francese infatti nel 2001 è stata la testimonial...

Close