Alluminio: pratico ma delicato

alluminio

L’alluminio è un materiale utilizzato prevalentemente per le pentole. Maggiore è lo spessore e maggiore sarà la qualità: si va dai 3 ai 5 mm. È uno dei migliori conduttori di calore, è leggero, pratico e igienico. Tuttavia tende a trasferire il colore ai cibi chiari e non è idoneo a contenere alimenti liquidi, acidi o salati. Inoltre non resiste ai graffi e si deforma facilmente.

Ultimamente si è fatto strada l’alluminio rivestito di materiale antiaderente. Ne sono un esempio le teglie da forno. L’alluminio antiaderente ha il vantaggio di farci risparmiare l’uso di grassi in cottura e farci cucinare in maniera più dietetica. Di contro, se graffiato (e succede molto spesso) può rilasciare sostanze tossiche.

L’ossidazione dell’alluminio crea una patina sulle pentole: è uno strato che non deve essere rimosso perché è protettivo e non altera i cibi.

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
Menù per orchestra
Menù per orchestra: l’incontro tra cibo e musica

“Menù per orchestra” è un volume – pubblicato dall’editore svizzero Armando Dadò e distribuito in Italia da Hoepli – che riesce a svelare pienamente le analogie che intercorrono tra cibo e melodia o, meglio, tra chef e musicista. La musicologa Anna Ciocca-Rossi, l’esperta di storia della gastronomia Marta Lenzi Repetto e il giornalista Giacomo Newlin hanno elaborato un’opera colma di illustrazioni, curiosità e aneddoti sull’espansione e sul cambiamento della musica a tavola. La tradizione di accostare la melodia ai banchetti risale agli Egizi, per essere recuperata da Greci e Romani, potenziarsi dal Quattrocento e giungere ai giorni nostri. Si scopre inoltre che...

Close