I forni a legna: un lusso che pochi si possono premettere

forno-a-legna-da-giardino_NG3

I primi forni furono costruiti dagli Egizi ed erano a doppia camera: in quella sottostante si accendeva il fuoco, mentre in quella superiore si cucinavano i cibi. I Greci e i Romani utilizzarono invece la camera unica, con il fuoco in un angolo e il cibo che cuoceva a fianco. I forni a legna oggi funzionano nello stesso modo. Sono costituiti da una base e da una cupola a volta in mattoni refrattari, da una bocca con sportello e da una serie di accessori che variano in base ai modelli Fondamentale è la presenza di un termometro per controllare la temperatura in camera.
I forni a legna sono usati quasi esclusivamente nelle pizzerie e in qualche panificio. In casa sono poco diffusi. Le difficoltà di gestione, manutenzione e approvvigionamento della legna, i costi elevati di costruzione e il rischio di incendi ne scoraggiano l’uso.

Guarda! C'è dell'altro:

Share
Puoi lasciare un commento, o rispondere dal tuo sito.

Cosa ne pensi?

Powered by WordPress
Leggi anche:
Kaiseki
L’impiattamento: da mera utilità a nuova forma di arte

Il primo assaggio avviene sempre con gli occhi: la sensazione visiva di un piatto è importante quanto il suo sapore. È quanto emerge da una ricerca di Ophelia Deroy del Centro Studi dei Sensi dell'Università di Londra e pubblicata su Flavour Journal. Il cibo non è mai presentato e servito così com'è ma dovrebbe essere elaborato nel modo più attraente possibile. Questo fatto forse ovvio, chiamato "impiattamento" ha ricevuto poca considerazione fino ad ora dagli studiosi del cibo. Una negligenza che contrasta con l'enorme interesse condiviso da chef, pubblico e mezzi di comunicazione. In ogni caso, tutti dovrebbero essere portati...

Close