Antonio Vivaldi e il riso ad ogni stagione

vivaldi

Il compositore veneziano, già sacerdote “sopra le righe”, passò gran parte della sua vita come direttore d’orchestra al conservatorio della Pietà di Venezia. Il creatore delle “Quattro stagioni” era abbastanza schivo e le notizie sulla sua vita privata sono poche ma sappiamo che era un appassionato di piatti a base di riso.

Share

Wolfgang Amadeus Mozart e le costolette

mozart

Mozart, il creatore di “Le nozze di Figaro” e del “Don Giovanni” ebbe uno sviluppo artistico precocisissimo: iniziò a comporre a soli cinque anni. Il maestro austriaco riuscì nell’800 a far emergere la figura del musicista trasformandolo da artigiano in artista. Divenne ben presto molto conteso dai nobili signori, anche durante i banchetti, e a tal proposito segnaliamo che Wolfgang Amadeus Mozart era ghiotto di costolette.

 

Share

Ludiwig van Beethoven: pochi piatti ma sostanziosi

Ludwig_Van_Beethoven

Il più grande musicista tedesco di sempre è riuscito a imporsi per gran parte del XIX secolo senza fermarsi di fronte agli ostacoli, sordità inclusa che lo colpì a 15 anni.
Non era un amante del cibo ma aveva dei piatti preferiti: maccheroni al cacio, zuppa con una dozzina di uova affogate, nasello con patate.
In fin dei conti era un genio… che non poteva togliere tempo alla musica.

Share
Powered by WordPress